GreenDea

GreenDEA – After the Cloud? The rain!
avviata

Come cambierò il mondo?

GreenDEA si propone di rispondere alle esigenze di coloro che hanno bisogno di grandi risorse computazionali per svolgere le proprie attività (es. grafici che effettuano dei rendering 3D) e hanno necessità di ottenere tali risorse ad un costo contenuto. L’idea di base è quella di creare una rete peer to peer (P2P) in cui, grazie alla cooperazione tra utenti, si possa ottenere un notevole risparmio su tempi di esecuzione, costi ed energia. Tale risparmio si ottiene mettendo a disposizione degli utenti della rete le risorse non sfruttate dei propri calcolatori quando essi sono inattivi o poco attivi, e ricevendo in cambio la possibilità di utilizzare le altrui risorse quando necessario.

Come è nata la mia idea?

L’idea alla base del progetto è nata sui banchi dell’Università della Calabria mentre Nunziato osservava i pc dei suoi amici sempre accesi  e connessi alla rete, ma con scarso utilizzo delle loro risorse complessive. Allora pensò: e se potessi sfruttare in tutta sicurezza le risorse che loro non utilizzano? E se loro potessero fare lo stesso con il mio pc? Fu allora che fu implementato un piccolo programma simile a Napster che consentiva però di condividere risorse di calcolo invece che files. Il programma venne inizialmente testato sui pc degli amici con i quali condivideva la connessione ad Internet. Parlando con Elio del progetto, lui ne intuì da subito le potenzialità e propose di continuarne assieme lo sviluppo e di valutarne l’efficienza su un algoritmo di clustering distribuito su cui stava lavorando. Parte del nostro lavoro diventò la tesi di Nunziato nella quale  dimostrammo che con questo approccio si poteva ottenere un risparmio energetico medio di circa il 30%. Qualche mese dopo Elio a fronte della necessità di alcuni sui amici architetti di velocizzare i tempi di calcolo necessari per effettuare il rendering 3D dei loro progetti decise di utilizzare il nostro know how per quel settore. Insieme a Chiara che si è aggiunta successivamente al nostro team, abbiamo migliorato il progetto iniziale, effettuato una valutazione del mercato, definito un business model e una revenue stream. È così che è nato il progetto GreenDEA. Adesso abbiamo un team, una buona idea e la voglia di metterci in gioco, ci mancava solo un’opportunità, e questa opportunità si chiama Talent Lab!

Cosa offro?

Il sistema opera grazie a due moduli software DEA Secure Client e DEA Secure Server, che consentono agli utenti di eseguire i propri task usando le risorse della rete. In particolare, il Client si occupa di suddividere il task originale in porzioni più piccole e di inviarli nella rete. Il Server consente, invece, di condividere i cicli idle della propria CPU. Si pensi, infatti, che attività quali scrivere o leggere file, navigare su web o ascoltare musica, impiegano meno del 20% del tempo di CPU dei propri dispositivi che può, pertanto, essere sfruttata per fare, in contemporanea, altro.

La sicurezza dei PC è garantita dall’uso della virtualizzazione che previene interazioni maliziose con gli host fornitori di potenza di calcolo.

In quale settore?

Tra i diversi ambiti di impiego, ci stiamo per ora concentrando sul settore molto promettente del Rendering 3D, attività chiave per grafici, designer, architetti e movie-maker.

Mercato di riferimento?

Il mercato di riferimento iniziale è quello del rendering 3D. Esso è un mercato in forte espansione con un bacino di utenti variegato (Grafici, 3D Artists, Designer, Architetti e Ingegneri) ed in continuo aumento. In tale contesto la comunità di coloro che utilizzano il software Blender risulta essere particolarmente attiva ed il nostro software offre ad essa una soluzione low cost per le proprie esigenze computazionali.

Ho il brevetto?

Si sta valutando la brevettabilità dell'idea. In realtà la maggior tutela del prodotto arriverà dalla sua diffusione capillare in quanto secondo quanto riferito da alcuni consulenti operanti nel settore, il mercato considerato ha le caratteristiche del "Winner-Takes-All Market".

logo GreenDea

Il gruppo di lavoro

Nunziato Cassavia
Elio Masciari
Chiara Pulice