GiPSTech

We work where GPS cannot
avviata

Come cambierò il mondo?

Rivoluzioneremo il settore dell’indoor positioning e tutte le tecnologie ad esso collegate, permettendo finalmente di riunire il mobile con il mondo immediatamente circostante l’utente.

Come è nata la mia idea?

L’idea di usare il campo magnetico terrestre come segnale di riferimento per la localizzazione di cose e oggetti all’interno degli edifici è nata per caso quando alcuni di noi stavano cercando un modo per eliminare le anomalie magnetiche dalla lettura dei dati del magnetometro presente nei dispositivi mobili.

Ci si è resi presto conto che questo “problema” poteva invece diventare una “soluzione” ad un problema del tutto diverso, ovvero l’interferenza geomagnetica essere usata come fonte di segnale per risolvere la localizzazione indoor.

Cosa offro?

Un sistema di localizzazione indoor basato sul campo geomagnetico, preciso (ad 1 metro), economico (non necessita di alcuna infrastruttura) ed affidabile (usa un segnale “naturalemnte” presente negli edifici).

In quale settore?

Mobile devices

Mercato di riferimento?

Il sistema è potenzialmente applicabile a molti mercati, le verticali che intendiamo perseguire per prime sono:

–          retail (supermercati, grandi magazzini, etc.)

–          industria (tracciamento merci e persone per sicurezza e ottimizzazione flussi)

–          ospedali (tracciamento devices e persone)

Ho il brevetto?

Si, c’è una prima domanda di brevetto depositata a Gennaio 2014 ed un secondo è in fase di predisposizione e deposito.

logo GiPSTech

Il gruppo di lavoro

Gaetano D’Aquila, Giuseppe Cutrì, Matteo Faggin, Giuseppe Fedele